Partita!

Ok sono distrutta, i muscoli delle mie gambe non rispondono più!! Ma devo tenere duro, devo resistere! Ieri ho fatto due ore di palestra (un’ora di fat-burning e un’ora di zumba), mentre stamattina ho corso un’oretta, appena sveglia e a stomaco vuoto (dicono che così si bruciano prima i grassi).
Ormai sto diventando anche la specialista del mangiare light con gusto: la mia colazione di oggi è stata rappresentata da 250gr di yogurt alla vaniglia con immersi 125gr di mirtilli…un pieno di zuccheri, calcio e vitamine a ridotto contenuto calorico e di grassi!
L’altro ieri ho addirittura scritto uno schema, cercando però di farlo abbastanza impulsivamente, lasciando scorrere i miei pensieri liberamente, partendo dalla parola DEPRESSIONE e creando dei collegamenti; è stato un esercizio positivo, sono emerse tante piccole parole che nell’insieme hanno dato un senso a molti stati d’animo che sto vivendo. Non è mai semplice affrontare se stessi in modo sincero; mi sto imponendo di farlo, senza colpevolizzarmi troppo sui difetti che ho…è molto importante per me, soprattutto in questo momento, concentrarmi sugli aspetti/fenomeni/persone positivi che mi coinvolgono.
Mi sto anche imponendo di lasciarmi andare e di cercare nuove esperienze, anche minime: per esempio, la settimana scorsa ho acquistato ed assaggiato, per la prima volta nella mia vita, il frutto del mango. Sembra una sciocchezza e, in effetti, lo è davvero, ma è anche una piccola cosa che mi ha aiutata a ricordarmi cosa significa sperimentare la vita, la novità, l’emozione dell’affrontare qualcosa che non si conosce e che può aggiungere un tassello tra le piacevoli esperienze della mia esistenza.
Così ieri sono andata per la prima volta in palestra la mattina, a questo corso che non conoscevo, dove ho incontrato persone nuove, con cui ho parlato e fatto amicizia.
E poi, al supermercato, mi sono lasciata trasportare dall’istinto e ho aiutato una signora cinese a portare uno dei due carrelli di spesa alla macchina, perchè in difficoltà a spingere entrambi a causa del carico e di una bimba di circa tre anni al seguito.
Ieri pomeriggio ho consegnato dei cv a mano presso delle aziende, e la novità è stata che l’ho fatto di giorno e citofonando, cosa che di solito non facevo, lasciandoli semplicemente nella cassetta della posta.
Infine, stamane sono andata a correre, cosa che odio fare di giorno perchè io divento paonazza sotto sforzo fisico e, quindi, chi mi incrocia mi fissa esterrefatto.
Chissenefrega.
Mi sono posta degli obiettivi e un programma per raggiungerli, non mi lascerò distogliere così facilmente dal perseguirli.

Annunci

Fissazioni

Fisso la mia agenda, chiedendomi se mai riuscirò a inserire, un giorno, un appuntamento di lavoro….
Mi sento confusa, frastornata, sempre un passo indietro rispetto agli altri….si, sicuramente questi sono gli aggettivi che meglio mi descrivono e che riassumono la mia intera vita.
Mi sento come se stessi perennemente incolonnata in una fila, in attesa, incapace di giungere in alcun posto, di realizzare alcun obiettivo… è frustrante, è sfibrante.
Si, devo uscire da questa fase di stallo, me lo ripeto da mesi, senza avere il coraggio di cambiare davvero: cambiare richiede pazienza, forza, fermezza d’intenti…tutte qualità che non ho. Un tempo le avevo, quando ogni cosa era chiara e accessibile, quando seguire un cammino era semplice, perchè non c’erano alternative; ora che ogni mossa è possibile, non so da che parte voltare lo sguardo.
Cerco ogni giorno di riassumere le mie competenze, senza però trovare una via di applicazione in ambito lavorativo: ma chi prendo in giro, non ho carattere, questa è la verità. Non mi so mostrare decisa, temo sempre un giudizio negativo.
E poi sono diventata terribilmente pigra, a mio agio completo nel dolce far nulla: terribile, riprovevole, lo so!
Ok, ecco i miei obiettivi per i prossimi 30 giorni:
trovare un lavoro, uno qualunque
dimagrire di almeno 4 kg (ora peso 62 kg)
riempire le mie giornate attivamente, impegnandomi a sperimentare azioni/persone/situazioni nuove
Sembrano cose semplici da realizzare, invece per me rappresentano lo scoglio che mi tiene ancorato alla depressione e all’incapacità di essere serena con me stessa e gli altri.>F

Giorno 9.

Non ho scritto per ben tre giorni; tre lunghissimi giorni in cui l’angoscia di non essere accettata al corso di Quality System Manager ha avuto il sopravvento su tutto: sulla dieta, sull’autostima, sulla buona volontà di fare qualunque cosa. Purtroppo questo è un aspetto del mio carattere su cui sto lavorando da tempo, con parziali e incostanti successi: quando un evento di incerto accadimento è per me una priorità, tutto il resto viene nientificato. Così sono stata scortese, scontrosa, debole. E questo capita perchè nella mia mente ha il sopravvento la negatività, ossia la convinzione che le mie speranze saranno sicuramente deluse, per questo mi sento sconfitta ancora prima di conoscere l’esito della battaglia. In realtà, almeno per questa volta, ho vinto! Mi hanno accettata per il corso e domani mattina sarò a Padova per una presentazione generale dello stesso! Sulla base di quanto mi avevano spiegato nel primo colloquio, una volta accettati nel corso, automaticamente si parteciperà anche all’assegnazione degli stage, quindi dovrei avere un tirocinio di 3/4 mesi garantito…e poi chissà! Ora, però, dovrò affrontare una triste incombenza: comunicarlo ai ragazzi a cui do ripetizioni, in particolare a T. Mi ero tanto affezionata a questo bambino, mi dispiace tanto l’idea che non portò più aiutarlo e vederlo, ormai lo seguivo 2, a volte 3, pomeriggi la settimana da 7 mesi. 😦 Credo che il corso inizierà già dalla prossima settimana, per 8 ore al giorno, dal lunedì al venerdì, per cui non avrò più tempo per nient’altro: devo concentrarmi al massimo e dare il meglio di me per distinguermi e rendermi appetibile per il tirocinio, una volta concluso il corso. Mi dispiace che non percepirò uno stipendio per i prossimi 6 mesi, ma spero vivamente che questo percorso possa essere fruttifero trascorso quel tempo. Cavoli, Paolo Fox aveva detto che per i nati sotto il mio segno i prossimi tre mesi sarebbero stati fortunati sul piano lavorativo ed economico, ma non pensavo che sarebbe accaduto davvero!!

Giorno 5.

Oggi alle 14.30 ho avuto il colloquio presso Eduforma a Pd per la selezione dei candidati che accederanno al corso formativo di Quality System Manager, speriamo sia andato bene! Certo, le domande che ti pongono (come in ogni colloquio fatto) sono di una banalità disarmante:
– “Perchè ha scelto di aderire a questo percorso formativo?” Ma cosa vuoi che ti risponda? Questo mi avete proposto, con la promessa che al corso seguirà uno stage in un’azienda che forse poi mi assumerà… sto cercando lavoro cavoli!!
– “Lei che cosa sta cercando in questo momento?” Mah, pensavo di comprarmi uno yacth e starmene in giro per il mondo in vacanza…Sto cercando un lavoro pirla! Uno qualunque mi andrebbe bene, ti pare il momento di mettersi a fare gli ambiziosi e i preziosi??!!
– “Come mai ha due diplomi di scuola superiore?” Perchè non sapevo cosa fare la sera, così mi sono iscritta a un corso serale.
Ed altre ancora…… :/
L’esaminatore quando stavo uscendo mi ha detto “Speriamo di rivederci presto!” quindi mi auguro che sia un buon segno! Considerando poi che, tornando a casa, dei vigili appostati per effettuare dei controlli a campione hanno fermato l’auto dietro di me… si dai, sento che oggi è la mia giornata fortunata!!
Stamane ho aiutato mia nonna, pulendo i vetri del piano terra di casa sua…mi piace poter fare qualcosa per lei, le voglio molto bene!Lei è una donna molto paziente, umile, semplice e io ho passato molto tempo della mia infanzia con lei, piacevolmente. Anche oggi, lei mi sa ascoltare, capisce il perchè vivo male a casa mia e per questo abbiamo un’ottima intesa. La sua salute non è però molto buona ultimamente; accusa dolori alle gambe e alla schiena che, secondo il dottore, sono legali all’infiammazione del nervo sciatico. Uno dei dispiaceri più grandi che potrei vivere è che lei non ci fosse al mio matrimonio…vorrei tanto poter trascorrere quella giornata anche con lei!
Sto ancora attendendo il preventivo dallo studio per presiedere ai lavori di costruzione della casa, mah non so cosa stiano aspettando. Lunedì contatterò un altro studio, per avere un ulteriore preventivo, speravo di sistemare la documentazione prima che iniziassero a lavorare gli artigiani che faranno gli impianti della casa.
Ieri sera ho sforato cn la dieta…però che serata! In compagnia di una delle mie migliori amiche, davanti a “Gilmore girls” prima e “I soliti idioti – il film” poi, e gustando del cibo cinese da asporto… Aaaah!! Una serata perfetta!!! 🙂

Giorno 4.

Oggi non sto fisicamente in piena forma, ma mi sono sforzata comunque di uscire stamattina per fare delle commissioni: ho acquistato il primo regalo di Natale! Precisamente, il regalo per mia mamma (ma non svelerò di cosa si tratta!).
Sono passata in cantiere a vedere il vetro che hanno montato ieri e…incredibile, sembra che lo facciano apposta a fare degli errori! Avevamo chiesto la grondaia verniciata testa di moro per essere in tinta con le grondaie di rame…e l’hanno verniciata più chiara!!! Non mi piace, ma temo proprio che dovrò rassegnarmi alla vista dati i rapporti ormai incrinati con l’impresario e i due mesi che abbiamo dovuto attendere per il montaggio di questo obbrobrio…che nervi!
Ieri sera ho anche saputo che a uno dei tre ragazzi che seguivo dando ripetizioni, in questo caso di lingua francese, ha ottenuto che gli venga data la possibilità di studiare spagnolo, anzichè francese appunto, per cui non sarà più necessario il mio aiuto.
Così, ne approfitterò del tempo libero che ho ottenuto per andare a trovare S. oggi pomeriggio, una mia carissima amica che non vedo da più di un mese! Non voglio nemmeno pensare che questa sia una giornata negativa; ci sono tutti i presupposti per intenderla in questo senso, ma non voglio, nel modo più assoluto, cadere nel solito errore di demoralizzarmi! C’è un bel sole fuori, ho acquistato il primo regalo di Natale, vedrò S: mi concentrerò su queste tre cose!
Ieri pomeriggio ho visto anche G., un’altra mia cara amica; sta vivendo un periodo un po’ confuso (a mio parere) e credo che anche lei dovrebbe trovare il modo di focalizzarsi sulla costruzione di qualcosa di positivo. Anche piccole cose quotidiane, piccoli traguardi nel breve periodo, nuove attività da fare nel tempo libero o nuovi slanci per le storiche passioni. Penso che lei si senta molto sola e incompresa e anche insicura; invece dovrebbe darsi fiducia, lei ha molte capacità e qualità, dovrebbe solo trovare la forza di rinnovarsi e di gettare quelle ancore mentali che la tengono legata al passato: è ora di crescere e di sbocciare, G. Spero che un giorno leggerai questo post! Chissà se ha seguito il mio (banale?) suggerimento di comprare una lavagnetta da tenere in camera e su cui segnare a caratteri cubitali “I MIEI OBIETTIVI:” e riportare a capo un elenco di attività che concretamente si impegnerà a realizzare.
Penso che il passo più difficile in un momento critico della propria vita sia questo: darsi dei nuovi obiettivi. E’ proprio la loro scelta la parte più ardua, perchè implica la decisione di fare un passo in avanti ma un po’ spostato verso una nuova e sconosciuta direzione.

Giorno 3.

E’ incredibile quanto sia semplice per me lasciar cadere il morale a terra; non devo! D. continua ad insistere nel dire che riusciremo a rispettare le tempistiche che ci siamo dati per l’ingresso nella nuova casa, e cioè fine anno prossimo ma…ci sono giorni in cui mi sembra che ci siamo avviati in un’impresa al di sopra delle nostre possibilità e che quando finalmente sarà terminata la costruzione della casa, saremo ultratrentenni e già stanchi di vederla.
Comunque, finalmente il commercialista di D. gli ha inviato i documenti che aspettavamo per poter iniziare a cercare (elemosinare? visti i tempi…) un mutuo per la casa; inoltre mio padre mi ha annunciato di aver visto degli operai in cantiere che montavano una copertura in vetro che aspettavamo da due mesi (allelujaaa!!!)!Ha anche detto di aver incontrato in cantiere l’impresario seccato del fatto che non avessimo voluto anticipargli i soldi per continuare i lavori (cooosa??!! ma che vada pure…)!
Io attendo la telefonata tra oggi e domani di Eduforma, che mi comunichi l’orario in cui sosterrò il colloquio/test per poter accedere al corso formativo di Quality Sistem Manager, che mi interessa parecchio e credo sia un ambito molto vasto e di grandi opportunità.
Mi sto sforzando di comunicare costantemente con D. di qualunque cosa, ma dobbiamo imparare a comunicare; non so perchè, non riesco a condurre una conversazione che sia una senza discutere con lui e credo che il tutto dipenda proprio dal fatto che, nonostante siamo insieme da quasi 7 anni, conosciamo poco della profonda natura dell’altro. Un po’ per il timore di spaventarci di quello che potrebbe essere l’altro, molto per il timore di quello che potremmo scoprire di essere noi. C’è sempre un freno inibitore che ci tiene, una paura della libertà che ci blocca; così, ci ammutoliamo, ci standardizziamo, ci abituiamo, ci conformiamo e ci plasmiamo sulla volontà dell’altro. Certo, in amore è indispensabile trovare continui compromessi, ma questi compromessi non devono trasformarsi in macigni che condizionano il nostro modo di essere.
Io sto bene con lui, ma sento che stiamo pericolosamente scivolando verso questa direzione sbagliata, che porterebbe solo infelicità e frustrazione e non voglio che si rovini un rapporto tanto bello! L’amore deve essere sempre, dal primo giorno al 50° anno di matrimonio: passione, desiderio, mancanza, convivenza delle reciproche anime, discussioni costruttive, cambiamento interiore verso la crescita, serenità. Questo io voglio e questo cercherò di costruire con tutte le mie forze con D. Anche nei giorni in cui scivolerò e non ci crederò, anche quando saremo sommersi dai problemi…e in questo senso, già oggi ci stiamo allenando bene!
Ho acquisito un nuovo incarico per dare ripetizioni a un terzo ragazzo, inoltre mia nonna mi ha incaricata delle pulizie di casa sua, il che mi impegnerà due mattine a settimana; anche queste sono notizie positive perchè mi aiutano a sentirmi utile e attiva, oltre a farmi guadagnare qualcosina.
Inoltre ho desitito alla tentazione di mangiare dei biscotti con il caffè oggi a pranzo e per questo mi sento orgogliosa di me stessa! 🙂

Giorno 2.

Ieri sera ho parlato con gli architetti che hanno seguito i lavori di costruzione fino ad ora e sono emersi alcuni problemi, di non poco spessore. In particolare, il fatto
Ieri sera ho parlato con gli architetti che hanno seguito i lavori di costruzione fino ad ora e sono emersi alcuni problemi, di non poco spessore. In particolare, il fatto che manchino dei dati per poter procedere al collaudo di solai e del tetto. Tali dati sarebbero nelle mani delle aziende che hanno fornito i materiali, e che non li rilascerebbero per il fatto che chi ha acquistato da loro (alias: l’impresario che ci ha venduto la casa) non ha ancora saldato il conto. Non è giusto che dobbiamo rimetterci io e il mio ragazzo per colpa sua! Invece, forse, sarà proprio così. Tutto ruota intorno al dio denaro, a quanto pare; pertanto dovremmo sborsare noi una cifra X per avere tali dati… assurdo, ma vero.
Tra poco D. avrà a disposizione anche i documenti per andare in banca e chiedere un mutuo, cosa che personalmente ritengo non andrà a buon fine, data la situazione lavorativa che ci caratterizza: io sono disoccupata, lui ha avviato un’attività 3 anni fa. L’attività va bene, ma noi non vorremmo avere nessuno come garante, e come gli adulti ben sanno, Babbo Natale non esiste.
L’altra situazione critica che sto affrontando è il mio peso corporeo, ecco i dati:
– altezza 1,64 m
– peso 60 kg
– misura pancia 84 cm, vita 73 cm, cosce 104 cm, circ. gamba 59 cm.
Il mio obiettivo in questo senso è: perdere almeno 5 kg nei prossimi 5 mesi, quindi circa 1 kg al mese facendo 4 ore di palestra alla settimana e mangiando in modo sano.